Le Dimore del Quartetto

QUATUOR AKHTAMAR, BELGIO

Categorie

ALUMNI

Coline Alecian, violino
Jennifer Pio, violino
Ondine Stasyk, viola
Cyril Simon, violoncello

Akhtamar, una leggenda armena. Il nome del quartetto viene dai pezzi armeni di Komitas/Aslamazyan, che l’ensemble suona regolarmente sin dalla loro fondazione. Formatosi a Bruxelles nel 2014, l’ensemble è stato uno dei sei quartetti selezionati per il “tremplins jeunes quatuors” della Filarmonica di Parigi nel 2016 e nello stesso anno ha visnto il secondo premio al festival Musiq’3.

Nel 2021 il quartetto ha ottenuto il terzo premio del Concorso Internazionale Johannes Brahms.

L’Akhtamar Quartet si esibisce in prestigiose sale da concerti e festival in tutta Europa: Radio France Festival di Montpellier, il Concertgebouw di Bruges (Be), il MonteLeón Festival (Sp), e suona anche in Italia, Germania, Svizzera, Austria, gli Stati Baltici… e naturalmente in Armenia.

Nel 2020, il quartetto ha inciso il suo primo CD: “Légende arménienne”. L’etichetta Cypres Records ha prodotto questa registrazione delle miniature di Komitas e “Un Quatuor Arménien” di Eugenie Alecian (dedicato all’Akhtamar Quartet). Légende arménienne viene regolarmente trasmesso dale radio nazionali (Musiq’3, France Musique, SWR2 in Germany…), ed è stato premiato con quattro stelle dalla prestigiosa rivista della BBC Music Magazine, oltre che da Classica Magazine, ha ottenuto una medaglia d’argento dai Global Music Awards ed è uno dei cinque nominati nella categoria musica classica degli Octaves de la Musique 2021.

Nell’aprile del 2023 è uscito “Enluminures“, il loro secondo album, pubblicato da Cypres, che ruota intorno a Claude Debussy e la compositrice Judith Adler del Oliveira.
L’Akhtamar Quartet tiene molto a lavorare con compositori contemporanei. Diversi compositori, come Roger Boutry, Eugénie Alécian, Jan Kuijken e Judith Adler de Oliveira hanno chiesto al quartetto di incidere e suonare i loro pezzi.

L’ensemble dà molta importanza alla diffusione della musica classica ovunque e per chiunque. Per questo hanno ideato diverse performance, che suonano in strutture come scuole, ospedali e istituti psichiatrici, ricevendo anche alcuni riconoscimenti: The Dream Makers, uno spettacolo per un pubblico giovane, è finalista ai premi YAM 2021 (Young Audiences Music). Da questo impulso sono nati diversi progetti di solidarietà che hanno ricevuto un importante sostegno: Music 4 Armenia, una tournée di venti concerti gratuiti nell’Armenia del dopoguerra nell’autunno 2020; Harmonies of Dreams, una serie di concerti e spettacoli per i pazienti degli ospedali psichiatrici in Belgio, organizzata in collaborazione con gli operatori sanitari e Music 4 Lebanon nel settembre 2022.

Il quartetto è parte degli istituti di formazione ProQuartet e di ECMA (European Chamber Music Academy). Ha anche l’onore di frequentare dei corsi allo Joseph Haydn Institut della University of Music di Vienna.

L’Akhtamar Quartet è supportato dalla Fédération Wallonie-Bruxelles, dal Concertgebouw Bruges, da Le Dimore del Quartetto, la fondazione Boghossian e il Centre National de Musique di Vienna.

Coline Alecian suona un violino Neapolitan di Giovanni Pistucci, 1890
Jennifer Pio suona un violin Dom Nicolò Amati, Bologna 1731
Ondine Stasyk suona una viola francese del XIX secolo
Cyril Simon suona un violoncello François Vial, 1924

www.akhtamarquartet.com

LE REGISTRAZIONI DELL'AKHTAMAR QUARTET

“L’opportunità di viaggiare ci ha permesso di scoprire il volto di un paese attraverso la sua musica, gioiosa e nostalgica al tempo stesso”

Le Miniature Komitas riescono a condensare in pochi minuti tutti gli aspetti della cultura musicale armena. Gli arrangiamenti di Serguey Aslamazyan per quartetto d’archi ne esaltano l’intrinseca intensità emotiva. Negli arrangiamenti per quartetto si percepisce una nobiltà che non è presente nell’originale. Tuttavia, le sottili aggiunte di Aslamazyan non distorcono il vero messaggio di pace e speranza delle Miniature. Allo stesso modo, questi temi sono al centro di “Un Quatuor arménien” di Eugenie Alécian. Quest’opera potente esprime l’energia di un Paese che non smette mai di cantare e ballare, per quanto soffra.
L’album ha ricevuto quattro stelle dalla prestigiosa rivista BBC Music e dalla rivista Classica, nonché quattro “diapason” dalla nota rivista Diapason.

    Ascolta il disco su Spotify

BBC MUSIC MAGAZINE
"Le Miniature di Komitas sono vivaci e folcloristiche, mentre Un Quatuor arménien di Alécian ha una prospettiva più cupa e malinconica. L'ammirevole Akhtamar Quartet sembra ugualmente a suo agio con le esigenze di entrambi"
LARSEN
"Il primo cd del Quartetto Akhtamar è un successo completo. tecnica brillante, colore personale e coesione perfetta. Questo primo disco del quartetto di Bruxelles suscita grandi aspettative e offre un viaggio appassionato attraverso il cuore, il passato e il futuro della musica armena" - Stéphane Renard
MUSIQ'3
"Lo scintillante e talentuoso quartetto Akhtamar è partito alla grande!" - Laurent Graulus
CLASSICA MAGAZINE
"L'Akhtamar Quartet privilegia la tenerezza e la malinconia. Per la sua leggerezza e la sua raffinatezza (...) questa interpretazione della musica da camera è definita dal suo carattere intimo e talvolta ingenuo." - Fabienne Bouvet
FESTIVAL MONTELEON
"Eccellente, affascinante e potente allo stesso tempo. Bravi! Per questi giovani belgi di altissimo livello! Un concerto di chiusura perfetto per un'edizione eccezionale!"
MUSIQ'3
"Il Cd è eccezionale sotto tutti i punti di vista" - Adèle Molle
THE ARMENIAN MIRROR SPECTATOR
L'Akhtamar Quartet ha concluso un tour di concerti in Armenia, portando il potere curativo della musica a strati della popolazione che ancora soffrono l'impatto della guerra e della pandemia. [...] Alla Fondazione Arevamanuk, i bambini rifugiati, commossi dalle luci e dalla musica, volevano cantare e lo hanno fatto, con gusto. "Avremmo perso la speranza senza di voi", è stato il commento di un adulto presente." - Muriel Mirak-Weissbach
Previous slide
Next slide

PROGETTI DI SOLIDARIETÀ

La musica per guarire una popolazione gravemente ferita e in lutto? Questa è la ricerca dei musicisti dell’Akhtamar Quartet.

Questa tournée di solidarietà, che ha avuto luogo nel giugno 2021, ha permesso a centinaia di persone di incontrarsi e di sperare di nuovo intorno a melodie francesi e armene. 
Dal 27 settembre 2020, l’Armenia si trova ancora una volta a guardare in faccia la catastrofe. Nonostante il cessate il fuoco del 9 novembre, la situazione nel Paese rimane estremamente preoccupante.
I segni visibili delle sofferenze dell’Armenia col tempo svaniranno, ma le cicatrici spirituali costituiscono un ulteriore sfregio quasi permanente. Nel giugno 2021, il Quartetto Akhtamar è volato in Armenia per un tour di solidarietà di due settimane, per riempire di musica ospedali, scuole e aree rurali. Molti armeni, sensibili e amanti della musica classica, hanno avuto poco o nessun accesso alla musica per troppo tempo.
Per far conoscere al maggior numero possibile di persone le opere del compositore francese Claude Debussy, del compositore franco-armeno Eugénie Alécian, della musica armena di Komitas/Aslamazyan e di altri, il quartetto Akhtamar ha tenuto 20 concerti gratuiti.
Il quartetto ha presentato uno spettacolo speciale “The Dream Makers” per più di 200 bambini. Un viaggio musicale senza parole, che mette in luce il potere poetico e unificante della musica, vero linguaggio universale.

Gli esseri umani sono ricettivi alla musica per tutta la vita. Linguaggio universale è fonte di benessere, la musica è sempre più utilizzata nel mondo medico. I suoi benefici sono noti soprattutto nell’assistenza psichiatrica e nel monitoraggio dei pazienti, in quanto ha un chiaro impatto sulle funzioni motorie e sulla memoria. Convinti di questi potenziali benefici, il quartetto Akhtamar si è dato la missione di far sentire la propria musica negli ospedali e nelle istituzioni mediche. Attraverso le loro esibizioni dal vivo, avrebbero condiviso le qualità dei viaggi e dei sogni con quei pazienti che non hanno più l’opportunità o la capacità di viverli.
Gli spettacoli, scritti in base all’età dei diversi pubblici (bambini, adolescenti o adulti), sono stati creati in diretta collaborazione con gli operatori sanitari. Sono dedicati a pazienti con disabilità e/o handicap mentali, che siano o meno residenti permanenti. Nell’arco di quattro giorni, il Quartetto Akhtamar offre dieci spettacoli a piccoli gruppi di pazienti, durante i quali privilegia l’interazione e i momenti di condivisione.Il progetto si è già svolto nella regione di Liegi per oltre 200 pazienti e continuerà a svilupparsi in tutto il Belgio. A lungo termine, l’obiettivo del progetto è quello di creare una comunicazione sempre maggiore tra i centri sanitari e i musicisti professionisti, in modo che le performance artistiche siano il più possibile pertinenti e utili.

 
For several years now, Lebanon has faced an unprecedented economic situation that has pushed millions of people into poverty. This financial crisis, defined by the World Bank as one of the worst globally since 1850, has further deteriorated due to the Beirut port explosion in August 2020 and the pandemic. Extortionate inflation, less spending power and rising unemployment have stripped the Lebanese people of their autonomy; the exit from such a downward spiral is unclear. Inevitably, the ongoing situation produces the worst kind of spiritual distress. When both action and words cease to function, solidarity between people remains.

The “Music 4 Lebanon” tour, organised on-site by the “Hammana Artist House”, offered around twenty free concerts around Lebanon, which hundreds of people attended. The concerts took place where there is significant vulnerability, like hospitals, schools, care homes and refugee camps.

Coline, Jennifer, Ondine e Cyril

Nato nel 2014, “Akhtamar”, leggenda armena, in riferimento alle miniature armene di Komitas/Aslamazyan, che il quartetto esegue fin dai suoi esordi, è un progetto dalla forte identità sonora ed estetica.
Maestria, virtuosismo, sensibilità, espressività sono al centro della programmazione di opere del repertorio classico, brani di compositori contemporanei, intessuti della loro firma armena.

L’ensemble si esibisce regolarmente in Belgio e in tutta Europa, invitato a festival come Radio France a Montpellier, MonteLeón in Spagna, Italia, Germania, Svizzera, Austria, Armenia e Paesi Baltici. Il terzo premio del Concorso Internazionale Johannes Brahms viene assegnato al quartetto nell’edizione del 2021.

Fortemente impegnati in progetti sociali, creano spettacoli per far conoscere la musica classica ovunque e a tutti. Nel corso degli anni sono nati molti progetti originali come “Harmonies de Rêves”, “Freetyle Classics”, “Music 4 Armenia” o “Music 4 Lebanon”.