Scopri le dimore selezionate per ospitare i 38 quartetti nel corso dei loro training. Le dimore avranno l’occasione di sperimentare un nuovo modo di vivere i propri spazi, aumentando la propria visibilità. 
I concerti saranno un’occasione per sensibilizzare il pubblico sull’importanza del patrimonio, attraverso una formula culturale innovativa e contemporanea. 

CLICCA SULLE IMMAGINI E SCOPRI DI PIÙ SULLE DIMORE SELEZIONATE

ABBAYE D’AMBRONAY
France

AKOESTICUM
Paesi Bassi

CASTLE ČASTOLOVICE
Repubblica Ceca

CASTLE KNEZICE
Repubblica Ceca

CHÂTEAU DE LASSUS
Belgio

DOMAINE DE LA GARDE
Francia

HEGGE GÅRD
Norvegia

HET HUYS TEN DONCK
Paesi Bassi

HUIS LANDFORT
Paesi Bassi

KÁROLI KASTÉLY
Ungheria

KAŠTLE EČKA
Serbia

KATAKOUZENOS HOUSE MUSEUM
Grecia

KORZKIEW CASTLE
Polonia

LE PRESSOIR DE MONCEAU
Francia

PALAC RAZDIEJOWICE
Polonia

PALACIO DE MERES
Spagna

PALACIO DEL VIRREY LASERNA
Spagna

PALACIO SABUGOSA
Portogallo

PALAZZO JACINI
Italia

SCHLOSS BACH
Austria

SCHLOSS WEIKERSHEIM
Germania

SOMIANKA MANOR
Polonia

THEOCHARAKIS FOUNDATION
Grecia

VANHAKYLÄ GÅRD
Finlandia

VILA GOLESCU
Romania

VILLA DA SCHIO
Italia

VILLA DI BIVIGLIANO
Italia

Abbaye Ambronay
Francia

Fondata all’inizio del IX secolo da Barnard, un ex ufficiale militare sotto Carlo Magno, l’Abbazia di Ambronay era legata alla Regola di San Benedetto. Nell’XI secolo divenne un potente centro religioso, ricevendo la sovranità totale da Papa Leone IX con una bolla del 1051. Durante questo periodo, l’influenza dell’Abbazia si estese su un vasto territorio, con fino a 44 parrocchie, 21 priorati e 9 decanati, attirando la cupidigia.
Ambronay fu al centro delle battaglie di confine tra il Delfinato e la Savoia tra il 1280 e il 1355. All’interno delle mura dell’Abbazia fu costruito un “castello” con due torri difensive medievali che ospitavano fino a 15 arcieri. Nel XV secolo, all’indomani della guerra, Jacques de Mauvoisin ed Etienne de Morel diedero nuova linfa all’abbazia. Tuttavia, i monaci cominciarono a godere di alcune libertà, allontanandosi dalla vita comune in case costruite nel villaggio. In seguito alle riforme di Luigi XIII, nel 1651 l’abbazia fu aggregata alla Congregazione dei Benedettini di Saint-Maur. Venne ripristinata una rigorosa vita monastica con una forte enfasi sulla conoscenza e sull’insegnamento. Gli edifici furono ampliati fino a raggiungere l’architettura che conosciamo oggi.

Akoesticum
Paesi Bassi

Akoesticum, il primo e unico centro di formazione per musica, danza e teatro dei Paesi Bassi. Akoesticum è il luogo perfetto per gli artisti dello spettacolo per riunirsi, provare, imparare, creare, sperimentare, innovare e ispirarsi a vicenda. Un luogo che offre tranquillità e spazio, dove la crescita e lo sviluppo degli artisti sono centrali e dove i processi creativi collaborativi fioriscono al di là dei problemi della vita quotidiana. Una casa aperta e un luogo d’incontro per artisti e pubblico di tutte le età e culture; un terreno fertile dove incontri stimolanti e scambi artistici danno vita a forme d’arte e performance sorprendenti.

Castle Častolovice
Repubblica Ceca

Il Castello di Častolovice apre le sue porte ogni anno dalla primavera all’autunno e invita i visitatori a visitare l’esposizione di interni del castello, arte, mobili e altri manufatti raccolti dalla famiglia Sternberg nel corso delle generazioni. Il parco, con le sue 150 varietà di rose e il Minizoo di animali domestici ed esotici, può essere visitato tutto l’anno.
La storia del Castello di Častolovice risale al XIII secolo, quando la prima documentazione registrata lo descrive come una fortezza nelle paludi del regno di Boemia. Nei secoli successivi cambiò spesso proprietario, finché nel 1694 fu acquistato da Adolf Vratislav Sternberg, il più alto burgravio del regno di Boemia. Fino ad oggi, il castello è rimasto di proprietà della famiglia Sternberg, con due interruzioni degne di nota: L’occupazione tedesca durante la Seconda Guerra Mondiale e la successiva confisca durante i 40 anni di governo comunista.

Castle Knezice
Repubblica Ceca

Il Castello di Knezice si trova nella Foresta Boema, nella Repubblica Ceca. La fortezza del XVI secolo è stata ricostruita in un castello barocco all’inizio del XVIII secolo. Nel 1906, il castello barocco fu riprogettato in stile art nouveau dall’architetto Leopold Bauer, allievo di Otto Wagner a Vienna e poi, nel 1913, successore di Otto Wagner come professore di architettura moderna all’Accademia di Belle Arti di Vienna.

Château de Lassus
Francia

Composto da una torre medievale, da una facciata classica (XVII-XVIII secolo) e da una parte più moderna (1897), il castello di Lassus, costruito in pietra locale, è un insieme eccezionale.
Circondato dal verde, sulle rive di uno dei fiumi più belli della Vallonia, l’Ourthe, ha sempre ispirato artisti: scrittori, pittori e musicisti.
Residenza privata, ha aperto al pubblico nel 2017 con la creazione di una gîte familiare in una metà del castello.
L’ex residenza ospita anche diverse attività sociali e culturali: feste di famiglia, riprese cinematografiche, concerti, mostre d’arte, ecc.
L’organizzazione di concerti di musica classica è perfettamente in linea con lo spirito della nostra casa, dal momento che la famiglia dei proprietari ha annoverato molti musicisti e amanti della musica nel corso dell’ultimo secolo.

Domaine de La Garde
Francia

Domaine de La Garde è una proprietà di 14 ettari alla periferia di Bourg-en-Bresse, nella regione francese del Rodano-Alpi. Risale al XIV secolo. La casa principale era una villa in stile palladiano costruita dall’architetto svizzero Samuel Voucher nel 1830. Le sei sale di rappresentanza al piano terra, i due piani superiori e la grotta sono stati completamente ristrutturati negli ultimi 10 anni. Le ampie scuderie, costruite nel 1860, sono state trasformate in due sale da concerto di 220 m2 e 80 m2. Altri edifici ospitano spazi aggiuntivi per ricevimenti, mostre, cucine e una serra. Il parco ospita quasi 200 specie diverse di alberi e arbusti. Il Domaine de La Garde è diventato un luogo di incontro e un centro culturale senza scopo di lucro che ha ospitato oltre 100 eventi e quasi 10.000 visitatori.

Hegge Gård
Norvegia

Hegge è una proprietà classificata dal 1923, protetta come importante esempio del patrimonio edilizio nazionale norvegese nella Norvegia centrale e come residenza di un funzionario pubblico dal XVIII secolo (ca. 1750).
Hegge è un’antica fattoria, parte di un antico centro di potere della Norvegia centrale che risale a più di 2000 anni fa. In questa regione si trova uno dei più antichi libri di legge del mondo, più antico della Magna Carta.
I nomi dei girovaghi di Hegge possono essere fatti risalire al 1500 d.C.. L’edificio principale di oggi fu costruito intorno al 1750 da un alto funzionario della Chiesa di Norvegia, il reverendo Jacob Hersleb. Poco dopo, l’ufficiale giudiziario della contea di Inderoy, Niels Dorph Gunnerus, acquistò la proprietà. Egli era nipote e figlio adottivo dell’arcivescovo di Norvegia e manteneva stretti contatti con l’élite culturale e accademica europea. Inoltre, riscuoteva le tasse per conto del re a Copenaghen. Durante il periodo di Gunnerus, l’edificio principale fu sottoposto a un’importante ricostruzione. La casa fu ampliata sia in lunghezza che in altezza e all’interno furono aggiunti molti elementi decorativi unici, importanti per l’arruolamento del 1923.

Huys ten Donck
Paesi Bassi

Het Huys ten Donck è una lussuosa tenuta del XVIII secolo a Ridderkerk, vicino a Rotterdam (Paesi Bassi), uno dei più importanti monumenti olandesi con il suo rinomato edificio principale, diversi edifici laterali e uno dei più antichi giardini paesaggistici dei Paesi Bassi. L’edificio principale è un palazzo di campagna in stile rococò, costruito nel 1746 da Otto Groeninx van Zoelen in sostituzione del più antico castello costruito nel 1616 dalla famiglia materna Van Zoelen, entrambi chiamati Het Huys ten Donck. La famiglia risiedeva stabilmente a Rotterdam e raggiungeva la tenuta attraverso il fiume Maas, per ricevere ospiti, familiari e relazioni internazionali.

Otto Groeninx van Zoelen (1704-1758), come molti altri membri della famiglia reggente Groeninx van Zoelen, fu sindaco di Rotterdam e amministratore delegato (Camera di Rotterdam) della Compagnia delle Indie Orientali (V.O.C.) del XVII secolo. Het Huys ten Donck rimase in uso dai suoi discendenti come residenza estiva e casa di ricevimento fino agli anni ’20, quando la settima generazione (W.G. Groeninx van Zoelen) dotò la casa di elettricità e riscaldamento, adattandola da allora a residenza permanente. Negli anni ’80 la Fondazione Huys ten Donck e la famiglia Groeninx van Zoelen hanno aperto la casa al pubblico, dapprima soprattutto per l’intrattenimento aziendale e le celebrazioni private, secondo gli esempi inglesi e francesi. Dal 2010 è diventata anche una location ufficiale per matrimoni e la Casa è diventata il luogo preferito da molte organizzazioni, aziende familiari e imprenditori per organizzare i loro incontri strategici, riunioni fuori sede e anniversari. Per il pubblico vengono organizzate attività annuali ricorrenti su base stagionale e per i gruppi internazionali vengono organizzate visite esclusive su piccola scala. Oggi la casa è ancora in parte abitata dai discendenti della 9a e 10a generazione di Otto Groeninx van Zoelen, che la rendono molto speciale con il suo evidente tocco personale. La parte più grande della casa è affittata per i ricevimenti e le produzioni e aperta su iscrizione per le attività stagionali.

Huis Landfort
Paesi Bassi

La Casa di Landfort è una delle 551 case di campagna storiche rimaste nei Paesi Bassi. Si trova praticamente al confine con la Germania, a circa due ore a est di Amsterdam. La tenuta è composta dalla casa padronale neoclassica, dalla rimessa per le carrozze, dall’aranciera, dalla colombaia in stile ottomano, dal giardino e dall’orto. Un tempo esistevano migliaia di luoghi così belli in questo Paese, dove i membri dell’élite si godevano l’estate lontano dal trambusto della vita cittadina. Menzionata per la prima volta nel 1434, Landfort House ha una storia lunga e movimentata. La proprietà è passata di mano molte volte e i proprietari che si sono succeduti hanno adattato la casa padronale e il giardino ai cambiamenti di gusto. Nel 1825, la casa padronale ha assunto la forma attuale. Negli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale, la proprietà subì un pesante tributo e il maniero fu abbandonato per lungo tempo. Quando la “stichting Erfgoed Landfort” (sEL) – la Fondazione per il patrimonio di Landfort – ha acquisito la tenuta nel 2017, la proprietà è stata sottoposta a un ampio programma di restauro che si è concluso nel 2022. La casa padronale è stata riportata all’antico splendore dell’inizio del XIX secolo, mentre la disposizione del campo da gioco riflette nuovamente il design di quel periodo. La rimessa per le carrozze, distrutta nel 1945, è stata ricostruita e l’orto adiacente, con il suo lungo muro di frutta a spalliera, è stato restaurato. Uno dei principali obiettivi di sEL è la manutenzione sostenibile di Landfort House e la sua conservazione nel futuro. Col tempo, Landfort House diventerà il centro nazionale della cultura delle case di campagna olandesi.

Karoli Kastely
Ungheria

Costruito nel 1844, il neoclassico Palazzo Károlyi a Fehérvárcsurgó, con i suoi 6.000 metri quadrati di spazio abitativo e il suo vasto parco, immerso in un parco protetto di 100 acri, è uno dei grandi monumenti storici dell’Ungheria. Sebbene sia stato abbandonato per molti anni, queste caratteristiche, insieme alla sua posizione facilmente accessibile, hanno dato all’edificio una vocazione naturale a servire l’apertura del Paese al resto d’Europa.
L’obiettivo della Fondazione Joseph Károlyi, istituita dalla famiglia Károlyi nel 1994, era quello di trasformare la tenuta di Fehérvárcsurgó in un Centro di incontri culturali, parte della rete europea dei “Centri di incontri culturali nei monumenti storici”, garantendo così la riabilitazione e la conservazione di un importante monumento storico.

KAŠTEL EČKA
Serbia

Situata a Eĉka, vicino a Zrenjanin, sulla riva sinistra del fiume Begej, circondata da boschi, pascoli e da un bellissimo giardino. All’interno del complesso, che un tempo era una tenuta nobile di 17 ettari, si trovano una chiesa cattolica, un’antica stalla e una torre d’acqua sul canale. Nel corso della storia, Kaštel ha ospitato molti personaggi famosi, a partire da imperatori e re, conti, baroni, duchi e principi, oltre a rinomati pittori, poeti e filosofi.
L’Eĉka ha un passato ricco e colorato. È piena di grandi e tragici eventi storici e familiari che rendono la storia della tenuta molto interessante.
Kaštel Ečka è stato governato da quattro famiglie dalla sua fondazione nel 1781 fino alla sua nazionalizzazione nel 1945.
1945. Queste famiglie sono Lazar, Thurn Taxis, dHarnoncourt e Pallavicini.

Powered by
Katakouzenos House Museum
Grecia

Il progetto della Casa Museo Katakouzenos riguarda la rinascita di una casa storica ateniese da luogo residenziale a istituzione educativa e comunitaria, seguendo i principi e ampliando le possibilità delle case museo. Gli ex proprietari della casa, Angelos e Leto Katakouzenos, appartenevano all’élite intellettuale del loro tempo, la cosiddetta “generazione degli anni Trenta”, e agirono come ambasciatori culturali del loro Paese all’estero e arbitri delle tendenze internazionali per l’Europa. La Casa Museo Katakouzenos appartiene a un gruppo specifico di musei, le case museo.
La Casa Katakouzenos funziona come salotto letterario dal 1960; le sue sale hanno ospitato molti visitatori di fama internazionale, soprattutto artisti ma anche scrittori e poeti; contiene inoltre una collezione rappresentativa di opere dei più importanti artisti della cosiddetta “generazione degli anni Trenta” ellenica e di molti artisti internazionali.

Korzkiew Castle
Polonia

Un tempo animato da vivaci feste e tornei cavallereschi, il Castello di Korzkiew accoglie oggi tutti tra le sue mura trecentesche, offrendo alloggi, cene, concerti, tornei e altro ancora. Sfidando la modernità, il castello si erge fiero e offre ai visitatori uno scorcio di un’altra epoca, a soli 13 km dalla Piazza del Mercato principale di Cracovia.
Attualmente è in fase di ricostruzione da parte di Jerzy Donimirski. Architetto, è il discendente delle famiglie che vivevano nel castello nel XVIII e XIX secolo. Dal 1997 sta portando avanti un ambizioso programma di ricostruzione e adattamento, che prevede la graduale rivitalizzazione dell’edificio e dei suoi dintorni. Ha riunito un team di esperti e ha iniziato a trasformare la rovina in un lussuoso hotel con splendide sale per banchetti.
La parte residenziale nella torre della porta del XV secolo è composta da quattro camere, un salone e una cucina.
Nella parte gotico-rinascimentale del castello sono state restaurate le sale per banchetti, che vengono utilizzate per riunioni, concerti, mostre, balli e conferenze. Una cena a lume di candela davanti a un caldo camino è solo una delle tante idee romantiche in questo luogo incantevole. L’atmosfera e l’atmosfera del castello, insieme all’arte e all’architettura antiche, costituiscono un ambiente davvero eccezionale in cui trascorrere del tempo, arricchendo senza dubbio il programma culturale di Cracovia.

LE PRESSOIR DE MONCEAU
Francia
Le Pressoir de Monceau è uno spazio di accoglienza per residenze d’artista e seminari aziendali. È anche il nostro luogo di vita. La sua vocazione: facilitare la nascita di progetti di attori socio-economici e rivelare il talento di giovani artisti.
Nel 2015 ci siamo trasferiti in questa proprietà che proviene dalla storia della nostra famiglia da 7 generazioni. Si trova nel cuore dei vigneti della Borgogna meridionale, proprio accanto allo Château de Monceau dove Alphonse de Lamartine visse e ricevette molti artisti come Chopin e Liszt.
Nel nostro bagaglio abbiamo portato un progetto maturato da diversi anni: fare della nostra nuova casa, troppo grande per la nostra vita quotidiana, un luogo di incontri e riflessioni.
Così è nato “Le Pressoir de Monceau”, intorno a tre obiettivi: covare le idee e le iniziative di attori socio-economici di portata locale e internazionale, rivelare il talento di giovani artisti, creare ponti tra persone che intraprendono progetti.
Palac Radziejowice
Polonia

La Casa del Lavoro Creativo di Radziejowice è un’istituzione culturale statale gestita dal Ministro della Cultura e del Patrimonio Nazionale. Questo luogo brulica di vita, ogni anno vi si svolgono più di sessanta eventi artistici, tra cui il Festival estivo di Jerzy Waldorff e le Serate Jazz di Radziejowice. Gli ospiti hanno la possibilità di partecipare a concerti di musica classica e jazz, spettacoli e mostre. Qui si tengono anche corsi di perfezionamento per strumentisti e vocalisti, in collaborazione, tra gli altri, con l’Istituto Fryderyk Chopin.

Radziejowice è frequentata da artisti che qui intraprendono nuove sfide professionali. Su ventisei ettari si trovano un palazzo, un castello, un maniero di larici, una villa svizzera, una fucina, quattro, l’edificio Katharsis e la Nuova Casa dell’Arte.

La Casa del Lavoro Creativo di Radziejowice si trova in un complesso di palazzo e parco
con gallerie museali e mostre. Qui si può ammirare, tra l’altro, una ricca collezione di dipinti di Józef Chełmoński. Nel parco, che ha una superficie di circa 26 ettari con alberi secolari, sentieri pittoreschi, edifici del palazzo, si può ammirare, tra l’altro, una galleria unica di ritratti scultorei che raffigurano figure di spicco della cultura polacca.

Palacio De Meres
Spagna

Nel 1990, il Palazzo Meres e i suoi dintorni sono stati catalogati come Bene di Interesse Culturale con la categoria di Monumento.
Per garantire la necessaria conservazione e il restauro del monumento, la famiglia proprietaria prese l’iniziativa di aprire la propria casa. Dal 1996 e fino ad oggi, la 21ª generazione del ramo familiare ha organizzato ogni tipo di evento nei suoi 11 ettari di proprietà patrimoniale, ospitando eventi, celebrazioni e riprese cinematografiche.
Palacio de Meres, S.A., è un’azienda familiare formata dai discendenti dei proprietari di Palacio de Meres del XIII secolo. Dal 1990 lavora con un forte impegno alla conservazione del Palacio de Meres, con la ferma decisione di continuare questo arduo lavoro di conservazione, con l’obiettivo, grazie ai numerosi lavori di restauro che vengono eseguiti ogni anno, di riportare il Palazzo al suo antico splendore.

Palacio del Virrey Laserna
Spain

Palacio del Virrey Laserna, noto anche come Palazzo del Conde de los Andes, è stato tramandato di generazione in generazione, fin dalla conquista di Jerez da parte di Alfonso X, noto alla storia come “Il Salvia”, nella seconda metà del XIII secolo. Si trova nel cuore del centro storico di Jerez de la Frontera.

Deve il suo nome al Generale José de la Serna y Martínez de Hinojosa, 1° Conde de los Andes, eroe della Guerra d’Indipendenza e ultimo Viceré del Perù e della Spagna in America. Visse in questa casa tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX. Altri membri illustri della famiglia furono D. Francisco Moreno y Zuleta, VI Conde de Los Andes, ministro dell’Economia e delle Finanze durante il regno di Alfonso XIII, capo della Casa Reale in esilio ed esecutore di S.M.; e il VII Conde de Los Andes, Francisco Moreno y Herrera, scrittore, politico e membro del Consiglio privato di Juan III.

L’edificio ha subito numerose modifiche. La sua costruzione risale all’epoca dei Mori. Le fondamenta risalgono a quell’epoca e altri resti sono stati ritrovati dopo i lavori di ristrutturazione. Il Palazzo acquisì la sua impronta neoclassica tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo, quando l’aristocrazia si stabilì definitivamente alla Corte Reale e in altre città e la sua vita cessò di essere itinerante. Di conseguenza, i palazzi aumentarono il numero di stanze, i mobili divennero più ricchi e pesanti, e ornati artisticamente in risposta a una vita sociale più intensa.

Gli ultimi lavori di ristrutturazione del Palazzo si svolsero in occasione dell’incoronazione canonica della “Virgen Del Carmen”, nell’aprile del 1925.

Fu aggiunta un’ala alla casa per accogliere gli ospiti. Tra gli ospiti c’erano S.M. il re Alfonso XIII e tutto il governo, venuti per assistere a quell’evento.Queste sono le stanze che oggi vengono utilizzate per l’alloggio.

Lo splendido progetto architettonico del Palazzo è in stile neoclassico, con tracce di epoche precedenti. Ha stanze spaziose, decorazioni squisite e una collezione impareggiabile di mobili classici e dipinti di valore.Rappresenta il grandioso stile di vita dell’aristocrazia andalusa.

Palacio Sabugosa
Portogallo

Conosciuto anche come Palazzo dei Conti di São Lourenço o dei Cesari, il palazzo fu costruito all’inizio del XVI secolo.

Nel XVIII secolo, durante la vita di Vasco César de Meneses, viceré dell’India e del Brasile, che nel 1729 ricevette il titolo di conte di Sabugosa, l’edificio subì importanti miglioramenti e nei lavori di ristrutturazione del XIX secolo il vecchio cortile del palazzo fu chiuso e trasformato in biblioteca.

Dalla fine del XVIII secolo all’inizio del secolo successivo, era la famosa sala da pranzo con dipinti a olio su stucco, con forti somiglianze con la nota sala del Palácio do Ramalhão e un’altra anch’essa con decorazione a imitazione della foresta nel palazzo dei marchesi di Xabregas a Lisbona.

PALAZZO JACINI
Italia

Palazzo Jacini a Casalbuttano (Cr) è nato come residenza, attiguo alla filanda fino al secolo scorso di proprietà della famiglia. Il lato su via Jacini è presente nel catasto teresiano e probabilmente risale al Seicento, mentre l’ala di sinistra e quella di fronte sono state costruite in seguito. L’arredamento Impero delle sale su strada risale alla Repubblica Cisalpina ed è rimasto identico a quello del ritratto di famiglia (col piccolo Stefano, futuro ministro del Regno d’Italia negli anni 1860-66), mentre a pianterreno sono poi comparsi dei mobili Biedermeier e nell’ala verso il giardino degli affreschi falso-gotici alle pareti. Il giardino ha al centro un laghetto, che serviva anche da riserva d’acqua per la filanda, e in fondo una vasta limonaia.

Schloss Bach
Austria

Risalente a un mastio medievale, Casa Bach (Schloss Bach) fu trasformata in un castello rinascimentale da architetti italiani alla fine del XV secolo. Nel 1890, un incendio distrusse la maggior parte degli edifici adiacenti. Il maniero rimanente, piuttosto abbandonato a causa dei frequenti cambi di proprietà avvenuti nel corso del secolo scorso, è stato acquistato dagli attuali proprietari a metà degli anni Novanta. Durante la prima visita hanno scoperto dipinti murali con gli stemmi dei loro antenati, proprietari di Bach House prima del 1700. La casa è stata svuotata di tutti i mobili storici. Ma le decorazioni interne degne di nota, come i soffitti a cassettoni con intagli in legno e un dipinto murale con musicisti e ballerini di gagliardia, entrambi risalenti all’inizio del XVI secolo, potrebbero essere restaurati.

Schloss Weikersheim
Germania

Immerso nel paesaggio panoramico della valle del Tauber, il Palazzo di Weikersheim (Schloss Weikersheim) si trova nel cuore della cittadina di Weikersheim. Con il suo splendido giardino, il palazzo incarna l’ideale rinascimentale di tenuta di campagna.
Nel 1586, il conte Wolfgang di Hohenlohe si insediò nell’ex castello con fossato e ordinò subito la costruzione di un nuovo palazzo. Con un’insolita pianta a tre lati, il palazzo rifletteva lo stile rinascimentale dell’epoca, ma preannunciava l’era barocca che sarebbe venuta.
La Rittersaal (sala dei cavalieri), riccamente decorata, è un punto culminante dell’architettura rinascimentale della Germania sud-occidentale. Risalente al 1600, è una delle sale meglio conservate di quell’epoca. È famoso il vasto soffitto a pannelli, con le sue colorate scene di caccia.

Somianka Manor
Polonia

Nel Medioevo la casa era un piccolo convento di suore norbertane (Ordo Praemonstratensis). Successivamente ricostruita, è stata una tenuta agricola nel XIX e XX secolo e ora è una casa di famiglia da 30 anni. La casa è quasi crollata dopo la Seconda guerra mondiale.
Recuperata dalle rovine, è stata restaurata secondo le antiche tecniche di conservazione. Situata nel centro del villaggio, accanto a una piccola chiesa, è un punto di riferimento architettonico, culturale e storico.
Con la sua esistenza secolare, rappresenta la continuità tra passato, presente e futuro. Tuttavia, da alcuni anni si è aperto alla vita culturale del paese e sta acquisendo una nuova funzione pro-sociale.

Il suo nuovo carattere è quello di sostenere i giovani musicisti. Ciò è legato alla cultura musicale della famiglia: Piotr Lachert era un pianista e compositore contemporaneo che viveva a Pescara, e il suo archivio musicale inviato in 4 casse si trova a Somianka. Hanna Lachert è stata una delle prime violiniste della Filarmonica di New York. Sua madre, Hanna Lachert, è stata per molti anni docente all’Università di Musica di Varsavia.

Theocharakis Foundation
Grecia

L’edificio, dove ha sede la Fondazione, è stato costruito dall’architetto Vassilis Tsagris alla fine degli anni Venti nello stile eclettico del periodo tra le due guerre, combinando caratteristiche morfologiche di vari stili europei. Nel 1985 è stato proclamato “edificio conservato”. Nel corso della sua esistenza ha svolto diverse funzioni, prima di diventare la “Fondazione Theocharakis” nel 2005. Lo studio architettonico per il restauro degli esterni è stato condotto dall’architetto Dimitris Ayiostratitis, mentre la progettazione e la configurazione degli spazi interni sono state realizzate dallo studio di architettura P. Tzonos e Heupel.
La Fondazione fornisce le infrastrutture necessarie per un centro culturale moderno, preservandone lo stile storico e proteggendone il valore patrimoniale. Secondo la sua missione, la Fondazione si concentra sull’emergere del moderno e sul suo continuo sviluppo durante il XX e il XXI secolo. Allestendo mostre d’arte moderna e organizzando concerti di musica classica in un edificio storico, la Fondazione mescola storia, patrimonio e arte moderna per attrarre ed educare il pubblico e coltivare la consapevolezza e l’apprezzamento dei luoghi storici. In questo modo, la Fondazione contribuisce a fondere passato e presente, preservando il patrimonio culturale e creando così un futuro culturalmente e storicamente solido. Quest’ultimo è immensamente importante nelle società odierne, poiché funge da contrappeso a tutti i problemi economici che continuano a presentarsi oggi.

Vanhakyla Gard
Finlandia

Il palazzo Vanhakylä fu fondato nel 1751 dallo sceriffo della contea Henrik Packalén. Durante la guerra civile del 1918 la vecchia casa principale fu incendiata e il presidente del consiglio comunale Vanhakylä fu imprigionato, ma riuscì a fuggire. Dopo la seconda guerra mondiale, la villa fu abbandonata. Alla fine del XX secolo la villa e il parco con gli edifici circostanti furono restaurati. L’attuale proprietario, sir Wilhelm von Nandelstadh, con la sua famiglia, possiede la tenuta dal 2018. Attualmente la villa di Vanhakylä è famosa per la sua fabbrica di succhi di mela.

100% secure your website.
Vila Golescu
Romania

La Villa Golescu e il Parco Dendrologico di Câmpulung Muscel, nella Contea di Argeş, di proprietà della Fondazione Pro Patrimonio, è un insieme architettonico eccezionale. Rappresenta un esempio vivente di salvataggio, ricerca e manutenzione del patrimonio culturale attraverso diverse modalità di utilizzo e di abitazione.
Il complesso Golescu funziona come un osservatorio del paesaggio culturale, con tutte le sue componenti (naturali e antropiche – architettura, paesaggio, valori sociali, relazioni comunitarie, abitudini di vita, ecc. È diventato uno dei pochi casi di conservazione di successo, di restauro progressivo e di integrazione di un obiettivo patrimoniale nella vita della comunità.

Villa Da Schio
Italia

Villa da Schio a Castelgomberto è un importante punto di riferimento storico e culturale del territorio vicentino.
Questo edificio del XVII secolo rappresenta una delle più belle residenze veneziane del periodo barocco. La famiglia Da Schio ha vissuto qui per molti secoli.
La manutenzione e il restauro della Villa sono essenziali per garantire la conservazione di questo patrimonio storico e culturale. L’edificio e il suo giardino rappresentano infatti un’importante memoria della cultura e dell’arte del passato che non può andare perduta. Il restauro e la manutenzione permettono di preservare le caratteristiche originali dell’edificio, conservando le tracce del tempo e gli elementi decorativi dell’epoca. D’altra parte, garantiscono che questo patrimonio possa essere trasmesso alle generazioni future, creando un ponte tra passato, presente e futuro. Inoltre, il restauro di Villa da Schio ha anche un impatto positivo sulla comunità locale, in quanto l’edificio è un’importante attrazione turistica. La conservazione di questo patrimonio culturale è un modo per promuovere la zona e incrementare il turismo, favorendo così lo sviluppo economico e culturale della regione.

Villa Di Bivigliano
Italia

A pochi chilometri da Firenze, immersa nel verde di un vasto parco storico ricco di specie arboree esotiche, sorge la cinquecentesca Villa di Bivigliano. Attualmente restaurata, la villa mostra ancora intatto il suo impianto “originale”, con prospetti eleganti e sobri. Sul fronte nord si trova un ampio prato, mentre a sud, dopo aver attraversato due terrazze con un grazioso giardino all’italiana e un antico pomario, si raggiunge un pergolato fiorito che invita a guardare la valle e il viale dei cipressi.

Il Cottage Belvedere è un incantevole edificio rurale isolato annesso alla Villa, inserito in un paesaggio che conserva l’incanto della natura incontaminata e con una vista panoramica su un affascinante ambiente collinare.

L’edificio colonico, con ampi spazi aperti, si sviluppa su due piani e presenta ambienti molto luminosi con soffitti a travi e pianelle e pavimenti in cotto. Al piano terra si trovano l’ingresso e la cucina, mentre al primo piano si trovano un’ampia zona giorno con camino e zona pranzo, con accesso al giardino, una camera matrimoniale, una camera doppia oltre a un bagno completo con vasca e doccia e un ripostiglio con lavatrice.

La Villa di Bivigliano e i suoi annessi coloniali, abitati e curati dalla famiglia Pozzolini nel corso delle generazioni, hanno saputo conservare intatto il fascino della loro storia e oggi offrono con discrezione una cornice ideale per eventi indimenticabili e unici.